ri-scoprire le virtù dell’olio dalle olive

Il direttore di Teatro Naturale, Albero Grimelli, ha intervistato il professore Nicola Uccella sul tema delle virtù salutistiche dell’olio di semi e dell’olio dalle olive sulla base di uno studio condotto da una università americana e Gigi Mozzi l’ha commentata.

Il consumo di olio di semi di mais, ai fini del controllo del peso, del basso consumo di grassi saturi e di una dieta anti-colesterolo, ha comportato dei cambiamenti più favorevoli, sui contenuti di colesterolo Ldl-c e altri lipidi aterogenici, rispetto all’olio extra vergine d’oliva.

Queste le conclusioni di uno studio condotto dalla Utah University su 54 persone, sia donne che uomini, che hanno condotto una dieta per 21 giorni ricca di un olio ad alto tenore di acidi grassi polinsaturi (olio di semi di mais) e un olio ad alto tenore di acidi grassi monoinsaturi (olio extra vergine d’oliva).

La conclusione è basata su dati. L’olio di semi, nei 21 giorni, ha ridotto i livelli di colesterolo Ldl-c del 10,9%, contro il 3,5% dell’olio d’oliva, e del colesterolo non Hdl-c del 9,3% contro l’1,6% dell’olio d’oliva.

Apparentemente, quindi, una vittoria schiacciante per l’olio di semi di mais.

A questa ricerca dobbiamo aggiungere le affermazioni di altri ricercatori, provenienti dalla Columbia University, che hanno affermato che “aderire ai dettami della Dieta Mediterranea significa consumare regolarmente più frutta, verdura, pesce, legumi e grassi polinsaturi”.

L’olio extra vergine d’oliva, re della Dieta Mediterranea, è ad alto tenore di acidi grassi monoinsaturi, non polinsaturi.

Quanto ci dobbiamo preoccupare per questo nuovo atteggiamento americano? Dopo aver magnificato la Dieta Mediterranea, ora la plasmano a loro uso e consumo? Per comprendere meglio cosa sta accadendo abbiamo interpellato Nicola Uccella, dell’Università della Calabria, nonché membro della Royal Society of Chemistry Fellow, della NY Academy of Sciences e dell’Institute for Research in Europe on Molecular Science.

- Ma i grassi polinsaturi sono così efficaci per ridurre il colesterolo?

Se una persona volesse ridurre il colesterolo in fretta, prima dei grassi polinsaturi ci sono le statine e i fitosteroli.

- Dunque i ricercatori statunitensi hanno torto?

No, non hanno torto. Hanno solo distorto. L’abbattimento del livello di colesterolo è un dato. E’ però anche noto che gli oli di semi, se consumati con regolarità, portano a un’infiammazione sistemica del nostro organismo. Un consumo eccessivo di di grassi polinsaturi è associato a immunosoppressione e insorgenza di neoplasie. Il problema non è però confutare la linea americana ma averne una propria, italiana ed europea.

- Così però gli Stati Uniti rischiano di modificare il mercato, spingendo il consumo di olio di semi

Certamente quando l’industria alimentare americana deciderà di dare l’assalto all’olio extra vergine di oliva lo farà su queste basi, che noi dovremo poter confutare scientificamente.

- Così però distruggono il mito della Dieta Mediterranea

Ha detto bene, il mito. Lo sa che nel suo primo libro Ancel Keys non parla mai di Dieta Mediterranea e suggerisce il consumo di olio di semi di mais? Ci basiamo troppo su concetti del passato, come le calorie.

- Le calorie un concetto del passato?
Certo, il metodo fu messo a punto 150 anni fa. E parte da un presupposto sbagliato, ovvero che tutto il cibo ingerito si converta in acqua e anidride carbonica, sviluppando energia. Così non è. La caloria, come indicatore energetico, è sbagliato almeno del 40%.

- Resta il fatto che il sistema alimentare si basa su queste toerie
E’ comodo adagiarsi su conoscenze acquisiste. E’ più difficile percorrere nuove strade, come dovremmo fare anche con l’extra vergine d’oliva. Basta parlare di polifenoli. Lei sa cos’è l’acido asclebico?

- Confesso la mia ignoranza…

L’acido asclebico è l’isomero cis dell’acido oleico. E’ un acido grasso che ritroviamo in quantità modeste, di solito, nell’olio extra vergine. In certe aree, come quella di Lamezia Terme o in Egitto, però può arrivare a quantità considerevoli, anche del 2-4%. L’acido aslcebico è un componente molto importante del nostro sistema nervoso, utile a rendere più fluide le membrane cellulari. Questo è solo un esempio. L’olio extra vergine d’oliva è ancora tutto da scoprire, ma serve la volontà di farlo.

 

Gigi Mozzi: “mi sembra che un campione di 54 persone, seppure equamente suddivise tra maschi e femmine, per un periodo di osservazione di 21 giorni (che sono tanti se aspetti il treno, ma certamente pochi per sedimentare risultati di modifiche al colesterolo), sia più da considerare una ricerca di “focus group” e quindi capace di fornire risultati “qualitativi” ed “esplorativi”, piuttosto che una “ricerca di base”, capace di confutare le conoscenze degli effetti sul nostro organismo degli oli da olive e degli oli di semi. Trovo importante la proposta del professor Uccella di cercare nuove strade, per ri-scoprire nuove virtù salutistiche dell’olio extravergine. “Noi speriamo che ce la facciamo”.

Su di me

Alberto Grimelli

Il mio sito

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*