E’ nato Confadi, il consorzio dei frantoi artigiani

lo_facciamo_910

Anno nuovo, vita nuova recita un vecchio detto popolare. Così il 2014 ha visto nascere il Consorzio dei frantoi artigiani. Nella realtà del nostro Paese esistono ormai da tempo due diversi tipi di frantoi oleari: ci sono le imprese di servizio che assolvono ad una funzione tradizionale e cioè quella spremere le olive che gli agricoltori raccolgono nei campi dando loro l’olio che se ne ricava oppure commercializzandolo all’ingrosso, e ci sono frantoi che si sono evoluti in imprese di produzione e distribuzione dell’olio extravergine assumendo l’identità di botteghe artigiane. Se così stanno le cose il problema che si pone è quello di rendere riconoscibile per il mercato e per il consumatore il prodotto di queste aziende che, fino a qualche anno fa, non c’era nè sullo scaffale dei negozi nè sulla tavola dei ristoranti, dove si era affermato il monopolio dei marchi dell’industria degli oli confezionati. Ecco perchè l’AIFO, l’associazione dei frantoiani, ha preso l’iniziativa di promuovere la costituzione di un consorzio con il compito di mettere insieme queste nuove imprese, dargli una identità imprenditoriale collettiva, definire un disciplinare di produzione e di prodotto. Poi la parola è passata alle aziende che a dicembre hanno costituito CONFADI, eletto un cda di 7 membri di cui è presidente Stefano Caroli, Gennaro Montecchia vice e Ugo Agostini amministratore. E hanno dato il via alle prime attività: la partecipazione a TUTTOFOOD 2015 e alle fiere di Cape Town e di San Paolo del Brasile, l’organizzazione di uno scaffale certificato in due catene della GDO, l’approvazione del disciplinare e del marchio e un obiettivo, contribuire alla creazione di un nuovo e diverso mercato dei prodotti degli artigiani del cibo, un mercato specialità riconoscibile e riconosciuto dai consumatori. Auguri!

Su di me

Artisan Post

Il mio sito

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*