Un cibo prodotto male è peggio di una pistola alla tempia

puttanesca-di-alici-e-colatura-di-cetara

Dobbiamo riscrivere le regole del gioco del mercato degli alimenti. Con un punto di vista privilegiato, quello del consumatore.

Mercato vuol dire innanzitutto domanda e offerta, un rapporto che non può essere senza regole per il semplice fatto che un mercato non regolato tende inevitabilmente ad essere selvaggio e quindi a favorire il più forte. Le leggi che oggi regolano il mercato sono vecchie, sono norme o regolamenti che non vengono cambiate anche perché funzionali agli interessi della grande industria alimentare.

Faccio un esempio: per estrarre l’olio dai semi è necessario fare una farina di semi, per fare con questa farina una pasta ci utilizza un solvente chimico – l’esano – che si usa anche nella lavorazione della benzina. L’esano quindi interviene nel processo di produzione dell’olio di semi, ma l’industria ci assicura che scompare, mentre lo scienziato prudentemente afferma che ne rimane “una modica quantità”. Se ciò è vero scriviamolo sulla confezione, sarà poi il consumatore a decidere se comprarlo o meno.

Secondo una ricerca condotta dal dipartimento di scienze biomediche della Georgia State University pubblicata sulla rivista British Medical Journal gli emulsionanti carbossimeticellulosa e il polisorbato 80 molto usati dall’industria alimentare sono in grado di modificare il microbiota alterandone l’espressione genetica in modo da favorire i fenomeni infiammatori e la comparsa di sindrome metabolica. Queste due sostanze, prese in esame da questo studio, si possono trovare in molti alimenti perché sono utilizzare dall’industria alimentare per aumentare la stabilità e la durata dei prodotti da forno, salse e creme. Soprattutto nei gelati. Avvertiamo il consumatore, sarà lui a decidere cosa fare.

In mezzo alla strada, la prima volta che andai a NewYork, comprai un hot dog. Era buonissimo con il ketchup. Stetti male un’intera giornata. Molti anni dopo acquistai un documentario sul cibo di un regista americano in cui era descritto il processo di produzione del wustel: buttare  animali vivi e morti dentro un gigantesco tritacarne come assistere ad un film horror. Non ho più mangiato un wustel ma non c’è etichetta che racconta questa storia. Descriviamo il processo di produzione, sarà poi il consumatore a decidere se mangiarlo o meno.

Le etichette sono opache, quando non sono oscure, oltre i valori nutrizionali, gli ingredienti, l’origine della materia prima è ora che sull’etichetta ci siano scritti tutti i prodotti chimici utilizzati nel processo di produzione. È in gioco la salute dei consumatori: facciamo il caso più semplice, compro un alimento che nel processo di trasformazione è contaminato da una sostanza a cui sono allergico, io non lo so, compro quel prodotto, lo porto a casa, lo mangio e sto male. Ma non so che dipende da quella sostanza perchè non è scritto da nessuna parte cosa c’è nel cibo che ho comprato, ne come viene fatto.

Vediamo cosa si può cambiare nelle leggi comunitarie e nazionali. E’ ovvio che va favorito l’artigiano del cibo perché l’artigiano del cibo non usa la chimica, è legato al territorio, alla storia, alla sua tradizione, alla sua qualità. Questo è possibile: abbiamo fatto una legge della Regione Puglia sull’olio d’oliva che riconosce all’art1 come unico produttore di olio il frantoio artigiano. Gli altri sono confezionatori e gli agricoltori coltivano le olive. Il vero produttore è il frantoio artigiano. All’art 2 la legge dichiara che l’olio dalle olive è prodotto da un mastro oleario e istituisce un albo professionale.

Tutti coloro che fabbricano cibo devono avere un albo professionale perché il cibo non lo può fare chiunque. Perché un cibo prodotto male è peggio di una pistola alla tempia.

 

 

Su di me

Giampaolo Sodano

Giampaolo Sodano

Artigiano. Mastro Oleario. Manager. Giornalista.

Il mio sito

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*