Italo Arieti, il nostro ospite d’onore

Italo-Arieti-576x1024_InPixio

In questo 2018, anno del cibo italianocade il primo anniversario della morte di Italo Arieti, gastronomo, politico e pediatra. E’ stato un grande divulgatore della tradizione della cucina della Tuscia attraverso la pubblicazione di una serie di libri che hanno recuperato e valorizzato ricette spesso dimenticate.Tra le pubblicazioni vanno ricordate Tuscia a Tavola, La cucina nella Tuscia, Erbe della Tuscia nel piatto. E’ stato Assessore al Comune di Viterbo, Presidente dell’Ente Provinciale del Turismo, Presidente dell’Istituto Autonomo Case Popolari, Membro dell’Assemblea del Consorzio per la promozione dell’Università della Tuscia.

Lo abbiamo conosciuto 6 anni fa quando organizzammo, Fabrizia ed io, un “convivio con l’olio” da cui nacque il libro “Fuga dalla città”, per celebrare con alcuni amici il miracolo del cibo e la nostra avventura nell’olio d’oliva in Tuscia. Arieti accettò di essere l’ospite d’onore del convivio e si intrattenne con noi per circa 60 pagine parlando di ciò che amava di più, la tradizione e la sua passione per il mangiare come forma di conoscenza e al tempo stesso come mantenimento delle proprie radici. “L’interesse per ricette e prodotti tipici mi vengono da lontano, ci raccontò, dalla storia familiare: mia madre Ilde ha sempre avuto molta cura del mangiare ed era un’ottima cuoca. Sono convinto che attraverso il cibo e le sue preparazioni si possano conoscere meglio le proprie radici, capire più profondamente chi siamo e da dove veniamo.”

Su di me

Giampaolo Sodano

Giampaolo Sodano

Artigiano. Mastro Oleario. Manager. Giornalista.

Il mio sito

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*